Rime e Storie

sep_06
sep_06

rime a distanza e storie in sichitanza 

f2c15c424f4043a674e843afe87adcef

 

RICONOSCIMENTI

image-369

Le storie alla rinfusa di Nonna Marina

 

Finalista  V edizione Premio letterario nazionale Emozioni 2021

"Non sentiva neanche i morsi della fame Pinocchio quando stava insieme a Lucignolo.

Lucignolo, molto più alto di lui, secco e allampanato come suggeriva il soprannome con cui tutti lo chiamavano, riusciva ad essere anche più veloce, nonostante in fatto di corsa Pinocchio non si ritenesse secondo a nessuno. Ma quello che di Lucignolo più gli piaceva era che sembrava avere sempre le idee chiare su tutto e che non aveva dubbi quando prendeva una decisione..."

E’ capitato a molti scrittori per l’infanzia di cimentarsi in storie in cui, mescolando insieme personaggi ed episodi delle fiabe classiche si inventano nuove storie altrettanto avvincenti, spesso con l’intento, che personalmente ritengo discutibile, di rovesciare gli archetipi che in quelle fiabe vengono rappresentati e proposti.

Nel mio esercizio di fantasia invece  non c’è nessun intento di capovolgere narrazioni tramandate per secoli di generazione in generazione anche se non mi sono privata di aggiungere nuovi episodi che tengono viva la suspense: Pinocchio, Lucignolo, Cappuccetto Rosso e la Bella Addormentata, assecondando ciascuno il proprio temperamento, in un racconto pieno di colpi di scena, manifestano attitudini diverse: al gioco, al divertimento, all’avventura, al sogno, ma la loro personale ricerca di felicità li rende figure attuali, rappresentative degli adolescenti di oggi con le loro esigenze costitutive.

All’inizio della storia essi ci appaiono sostanzialmente soli, cercano di reagire a un destino che non può essere ineluttabile  rischiando però di rimanere incastrati nelle proprie vaghe aspirazioni.

Come può accadere che dalla legittima ribellione possa scaturire un percorso originale senza tradire le istanze del proprio cuore e i desideri dell’infanzia? Sarà necessario incontrare degli adulti in carne ed ossa disponibili a coinvolgersi con loro ma soprattutto compiere un cammino in cui è di vitale importanza fare esperienza di una vera amicizia dove ci si aiuti concretamente ad affrontare ostacoli ed antagonisti, a superare le proprie paure e i propri limiti.

image-128

Un Folletto di nome Felice

 

semifinalista al XVIII CONCORSO LETTERARIO "Il racconto nel cassetto - Premio Città di Villaricca - sezione fiabe" indetto dall'Associazione Libera Italiana - 

....

Menzione d'onore al XII CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE "Città di Cologna Spiaggia" - Sezione Fiabe "Seconda stella a destra"

 

“Che stranezza chiamare Felice un folletto! Tutti noi folletti siamo felici!”

            Furono queste le prime parole che si sentì rivolgere folletto Felice dalla sua compagna di banco, il primo giorno di scuola.

            “Vero – pensò il piccolo folletto – non ho mai visto in tutto il bosco un folletto triste.”

            “Come chiamare il sole Caldo, il mare Grande o una rosa Profumata!” - aggiunse la compagnetta che si mostrava già abbastanza petulante per la sua età.

 

Mettere a tema la felicità in una fiaba non è raro, anzi si può dire che la ricerca della felicità è proprio il leitmotiv di tutte le fiabe. 

Ma insieme al folletto protagonista della fiaba siamo sospinti a chiederci cosa veramente rende felici.

Nelle diverse circostanze in cui si imbatte e grazie alle scelte che riesce a compiere ascoltando fino in fondo il suo cuore, egli diventa pienamente consapevole del nome che porta!

 

241392714_3018215315101776_4790663701363926479_n.jpeg

AA.VV. Antologia XII Concorso letterario nazionale "Città di Cologna Spiaggia"

500f430576887b1u5k0jv8ml3crco8jlglklte2nu7wxz

   Dove abita la felicità degli uomini

 

Semifinalista Premio letteraio "Cultura sotto il vulcano -

Un libro in una pagina" -

Festival internazionale del libro Etnabook 2021 -

​​"Il piccione andava avanti e indietro sfiorando il soffitto della hall partenze dell’aeroporto dove si era deliberatamente introdotto.   

La hall partenze gli ricordava l’emozione del suo primo volo e sapeva come quella gioia si rinnovava ogni volta che sorvolava il mondo sottostante.

Ma tutte quelle persone non gli sembravano veramente contente. Così provò ad abbassarsi un po’ per guardarle meglio"

 

Ancora sulla felicità? Si, ma questa volta è un piccione che sceglie la hall partenze di un aereoporto per compiere la sua ricerca e mettersi sulle tracce ... della felicità degli uomini! 

(pubblicato nel volume antologico del Premio Letterario

Etna Book "Cultura sotto il vulcano")

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il testo completo nella sezione Racconti

premio letterario etna book.jpeg